Ascoltare Greta è meglio che giudicare il suo autismo

Greta Thumberg non ha davvero bisogno di presentazioni. In breve tempo siamo passati dai suoi primi sit-in solitari davanti al Riksdag a Stoccolma ai discorsi davanti a politici come Junker, alle repliche a Teresa May e infine a milioni di ragazzi scesi in piazza per rifiutare il peso che gli stanno buttando addosso le generazioni che li hanno preceduti. 

continua su lastampa.it